CATTIVI INCONTRI

Ciò che segna, insegna!

VENDO SOGNI, NON SOLIDE REALTÀ

Come realizzare i propri sogni cambiando posizione da cui guardare la propria solida realtà

cucinare con mamma

Devo far contenta la mamma!

Pina è una buona madre, una brava moglie ed una discreta cuoca. Fin da piccola la madre le aveva insegnato a fare il pane in casa, le torte e i biscotti che condividevano con i parenti la domenica pomeriggio o con degli amici per un tè, nel corso della settimana. Aveva imparato a cucinare non molto volentieri, ma si era impegnata ugualmente per far contenta la madre.

scrivere

Scrivo bene, ma…

Fin dalla scuola elementare, Pina riceveva ottimi voti e tanti complimenti da parte dei suoi insegnanti per i suoi temi e saggi critici. Le era stato consigliato il liceo classico per affinare le sue doti, ma non si era sentita all’altezza di intraprendere un percorso di studi così duro, dunque, ripiegò su un alberghiero. Del resto, molte pietanze sapeva già cucinarle, quindi non avrebbe fatto molta fatica.

bimbo in arrivo

Dovevo rischiare, non potevo abortire

Tuttavia, non riuscì a finire le superiori perchè rimase in cinta di Mirko. Era un incidente che si poteva evitare perchè Pina avrebbe potuto insistere maggiormente con il suo fidanzato sull’uso del preservativo. Non abortì perchè i genitori e la nonna pensavano che fosse immorale. Il fidanzato, avvocato, d’altronde, le diede una casa bellissima e tutto il comfort del quale poteva aver bisogno. Anche dopo la nascita del bambino, non aveva bisogno di andare a lavorare, quindi viziò i familiari occupandosi delle faccende domestiche, piccole commissioni e pranzetti succulenti.

Nel troppo tempo libero, navigava su internet e scriveva copiosamente su forum e articoli critici sugli eventi di attualità, che condivideva con alcuni contatti conosciuti su social network. Viene sempre più notata da personaggi di spicco che le propongono stage nella loro azienda, ma Pina rifiuta perchè non può allontanarsi da casa per troppe ore e perchè preferisce tenere la scrittura come un hobby, ma non trasformarla in un lavoro. Un giorno, alcune amiche conosciute su un forum la invitano ad iscriversi con loro ad un corso di scrittura creativa.

accettare o no

Essere o non-essere: questo è il mal-essere!

Richiede soltanto un paio di ore a settimana il martedì pomeriggio, così Pina, entusiasta, accetta. Dopo alcune settimane, il marito comincia a lamentarsi di non avere proprio una certa camicia stirata, proprio certi calzini lavati e rimprovera la moglie di perdere tempo ad un inutile corso. Quando si mette al pc per scrivere il saggio di fine corso, fa di tutto per distoglierla dall’intento con scuse banali o litigando con il figlio. Nonostante questo, vince per il miglior saggio del corso e le viene proposto di scrivere articoli di cronaca nera per una prestigiosa casa editrice. Potrebbe lavorare da casa, scegliendo lei il momento della giornata in cui farlo, ed inviare gli articoli per mail al capo redatore.

panico

Aiuto: sto morendo!

Pina inizia ad avere forti attacchi di panico che la portano in pronto soccorso perchè le manca il respiro ed il cuore batte all’impazzata, teme di morire. Il medico di base le consiglia di consultare uno psicologo per risolvere al più presto il problema. Pina si rivolge allarmata ad una psicologa conosciuta su internet cercando come si può guarire dagli attacchi di panico. La professionista cerca di capire il motivo per cui gli attacchi di panico sono sorti proprio adesso, se può esserci stato un evento critico o una decisione importante da prendere.

rassicurazione

Desiderio posticcio dell’incoraggiamento

Pina, piena di rabbia, afferma di non saper se accettare il lavoro come giornalista perchè i familiari non la lasciano sufficientemente tranquilla per scrivere, né la incoraggiano, al pari delle amiche colleghe invidiose di lei. È convinta che se fosse incoraggiata riuscirebbe a buttarsi nel “vuoto”, ma che questo non accadrà mai.

La psicologa, anziché dirle, come farebbe un amico, che ce la farebbe anche senza il supporto dei familiari, indaga sul motivo di Pina di essersi messa in questa posizione: mi butto, a condizione che gli Altri credano in me e mi supportino. Ha già vissuto una situazione simile? Pina ricorda con sofferenza che anche in famiglia i genitori non la spronavano ad impegnarsi nei propri interessi, ma anzi punivano ogni suo tentativo di emancipazione e crescita, screditandola.

fantasma catena

Qual’è la tua questione fantasmatica? La catena delle tue associazioni “libere”?

Si era, quindi, messa nella posizione di realizzare i desideri dei genitori, così non sarebbe stata sgridata per la responsabilità che si sarebbe presa per la scelta di un obiettivo diverso. Questa scelta di posizione, all’interno del campo delle relazioni, costituiva il suo primordiale, fantasmatico CATTIVO INCONTRO, o non-incontro, con sé stessa: incontro impossibile, non raggiungibile con il suo desiderio e, dunque, con ciò che la realizzerebbe autenticamente, realmente. Desiderio ostacolato dal desiderio posticcio (prodotto dalla sua questione familiare, fantasmatica) di supporto familiare al suo desiderio. Ed anche punto ed asse portante, perno attorno al quale girare, senza il quale cadere? Senza il quale, chi sono?

posizione

Mentre cambi posizione…

Abituata e rassicurata nell’essere il perno, come passare all’ignoto e rischioso INCONTRO con se stessa e con il suo desiderio? Abitudine e sicurezza sono nemici del cambiamento. Se continui a fare quello che hai sempre fatto, otterrai quello che hai sempre ottenuto. Se vuoi qualcosa che non hai mai avuto, devi essere pronto a fare qualcosa che non hai mai fatto.

territorio realtà

Da che posizione guardi la tua realtà?

Che non è altro che cambiare posizione della propria questione fantasmatica nella propria mappa del mondo perchè, come mostrato, la mappa non è il territorio. 

Susanna Premate

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: