CATTIVI INCONTRI

Ciò che segna, insegna!

BRONTOLO, BRONTOLONE, BRONTOLARE

Come smettere di lamentarsi: capirne il significato e agire da attivi costruttori della propria realtà

 

brontolone panchinaDa favole e cartoni animati, spesso possiamo notare parti del nostro carattere perchè vengono enfatizzate. Ad esempio, nei puffi abbiamo Brontolone che si lamenta di tutto e, per questo motivo, viene deriso dagli Altri e non riesce, a differenza degli altri puffi, a stabilire e mantenere relazioni significative. In qualche modo, trova nel mondo esterno sempre un pretesto per esprimere la sua insoddisfazione nei confronti della vita. Dice che qualcosa di esterno a lui non va bene perchè forse c’è qualcosa di interno a se stesso che gli fa male e che non vuole accettare.
Questo meccanismo, in psicologia, è noto con il termine ‘Proiezione’.brontolone io odio Oltre che sul mondo esterno, possiamo proiettare anche parti nostre, di cui non siamo consapevoli, su un’altra persona e trovarla, per questo, antipatica. Ad esempio, posso odiare una persona che ha successo perchè nego la parte competitiva che è dentro di me. Può aver paura di esprimere i suoi affetti agli Altri per paura di essere nuovamente deluso. Altra favola in cui c’è un personaggio che si lamenta è Brontolo dei 7 Nani, che ha un aspetto scontroso e irascibile. È come se la sua identità fosse esaurita soltanto nel fatto di lamentarsi, è un ruolo che assunto, senza il quale sembra non essere più nessuno. brontoloInfatti, quando Biancaneve lo bacia (guarda il filmato, cliccando qui), cerca di fare il duro e di divincolarsi da quella smanceria, ma Biancaneve continua imperterrita a cercare di baciarlo. Successivamente, il puffo continua a fare il duro, poi si commuove ma ha paura di questa sua parte dolce e riconoscente, così torna a fare il duro. In questo caso, Biancaneve, possiamo dire stia cercando di mettere in atto una relazione emotivo-correttiva, ossia cerca di vedere Brontolo non per quello che mostra agli Altri di essere (maschera difensiva), ma per ciò che è (tutti abbiamo una parte emotiva che desideriamo utilizzare nelle relazioni, a meno che questa non sia stata derisa, umiliata, ecc.): qualcuno che può essere sia arrabbiato e lamentoso che molto affettuoso. Già nel momento in cui Biancaneve era stata trovata (puoi vedere il filmato cliccando qui), a differenza degli Altri puffi, entusiasti, lui esclamò “È una femmina e tutte le femmine sono perfide, piene di arti subdole!”. Questo può significare che si è sentito ferito in alcune relazioni in cui si era fidato e, per aiutarlo, gli si potrebbe cercare di aprire a ventaglio la sua convinzione per falsificarla. Infatti, gli si potrebbe chiedere “Tutte le femmine? Non ne hai mai incontrata una sincera? Cosa succederebbe se invece fosse simpatica e affettuosa? In quel caso, cambieresti idea?”. brontolonebrontoloPuò capitare, quindi, che, pur desiderando di cambiare le proprie relazioni e l’immagine che di noi stessi mostriamo agli Altri, se ne abbia paura ed è per questo che si può chiedere aiuto, per conoscere e sperimentare altre parti di noi sconosciute e addomesticarci ad esse all’interno della relazione con lo psicologo. Altro episodio in cui Brontolo mostra il suo processo di cambiamento è quando, dopo aver scoperto che Biancaneve è in pericolo, anziché lamentarsene come al suo solito, è il primo dei 7 Nani che incita tutti i suoi compagni per inseguire la matrigna di Biancaneve, fino ad inseguirla nel dirupo della montagna. homo faberDunque, da una lamentela passiva rispetto il mondo esterno, Brontolo si assume un suo ruolo attivo (che potremmo chiamare il 50% della situazione) e decide di agire, passando da uno stato di Impotenza Appresa (“Non posso fare niente rispetto quanto mi succede e succede ai miei cari!”) ad uno stato di potere e responsabilità rispetto quanto mi sta succedendo e rispetto quanto sto creando nell’ambiente che mi circonda. Già gli antichi, del resto dicevano, “Homo faber fortunae suae”: l’uomo è artefice della propria sorte (Appio Claudio Cieco).

Susanna Premate

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: